Thursday, April 5th, 2007...1:51 pm

Poesia “Il gigante”

Jump to Comments

,,,,
La nebbia annulla le dimenzioni dei
colossi di cemento armato; Echi che
suoneranno nei tempi a testimonianza
della nostra civilta`.
L’individuo tace; Sovrasta la voce
del duemila: Esplodente negli stantuffi,
provocando un incessante movimento
di macchine.
Noi siamo i globuli del sangue che pulsa
nelle tue arterie; Inconsapevolmente ti
diamo la vita. Sommersi da banali
problemi, non capiamo i tuoi intenti.
Forse loro sanno; che dall’alto dei
piedistalli ci fissano con sguardi
di bronzo. La loro espressione e` un
linguaggio che noi non comprendiamo,
perche` ci separa una spessa cortina
di spazzio e di tempo.

(S P a 23 anni)

Questa e` l’impressione di un giovane del Sud, che per la prima volta vede la citta’ di Milano.

Leave a Reply